Le Reliquie

99

Il busto reliquario di Sant’Agata, veneratissimo dai catanesi, rappresenta anche una preziosa opera d’arte, capolavoro dell’argenteria medievale creato per contenere la più importante delle reliquie, ovvero il capo di Sant’Agata.

Realizzato in argento sbalzato con preziosissimi inserti in smalto traslucido, esso è opera di Giovanni Di Bartolo che lo realizzò fra il 1373 ed il 1376. Oggi esso si mostra ai devoti e agli studiosi interamente ricoperto dai numerosi ex-voto donati alla Santa nel corso dei secoli, fra cui un anello di Papa Gregorio Magno, la Croce della Legion d’Onore appartenuta a Vincenzo Bellini e la pregevole corona che la tradizione lega al nome di Riccardo Cuor di Leone, oltre a diverse croci vescovili catanesi.

84 Immagine1 95

Il resto del corpo della Santa è conservato all’interno dei reliquari antropomorfi che custodiscono le mani, i piedi, i femori ed una mammella (l’altra si trova a Galatina, in Puglia). Opera di importanti argentieri siciliani, essi sono realizzati in argento sbalzato e cesellato e decorati, anche ad imitazione del busto reliquario, con motivi di tralci.

c_reliquie

Discorso a parte merita il reliquario del Velo, opera del XIX secolo in cristallo ed argento sbalzato, che custodisce il veneratissimo flammeum che Agata indossava in quanto Vergine consacrata a Cristo e che per i catanesi rappresenta da sempre la più potente arma di salvezza contro i pericoli legati al fuoco del Vulcano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...